catalogo

Harvest map | Catalogo Rebiennale 2008

rebiennale workshop

“Harvest Map” | Lavoro di ricerca degli studenti IUAV sulla Biennale di Architettura 2008
Il metodo di catalogazione e mappatura dei materiali (harvestmap) proposto nel workshop IUAV con 2012 è alla base del lavoro che ha prodotto una (ipotesi di) valutazione del grado di sostenibilità dell’11a Biennale di Architettura a Venezia.

Un lavoro sul campo da novembre a marzo, realizzato da alcuni studenti IUAV che hanno partecipato ai laboratori di autoformazione e al progetto Rebiennale.
Abbiamo dato il via alle prime ricognizioni durante il periodo di ‘smontaggio’ della Biennale preparando la documentazione necessaria per la catalogazione: fotografie, video, schizzi e rilievi.
Una prima schedatura per lo studio dei materiali (collocazione, tipologia, elementi quantitativi e qualitativi, lavorazione, finiture) ci ha aiutato ad analizzare il ciclo di produzione: la provenienza, i costi, l’impatto ambientale e le trasformazioni che avvengono nel ciclo di vita ‘materiale’ dall’origine allo smaltimento. Un ciclo non solo geografico ma economico in cui l’allestimento del padiglione nazionale è solo un segmento che viene però concepito e pensato da uno o più architetti, in questo senso abbiamo interpellato gli ‘autori’ stessi della creazione.
Successivamente – e grazie all’intervento e al lavoro di Marco Zaccara, architetto del collettivo 2012 (Olanda) – abbiamo individuato un metodo di ricerca e siamo partiti da un punto essenziale che è quello di lavorare non solo alla catalogazione dei materiali ma anche al loro ‘raggio di azione’, ossia alle possibilità che abbiamo per poterli stoccare e trasportare in maniera sostenibile (in termini di mezzi, consumi ed economia). Altro ‘trucco del mestiere’, molto utile in fase di progetto, è stato quello di trovare una scala grafica per poter rappresentare le quantità dei materiali a disposizione. Nel workshop abbiamo poi definito i criteri per costruire una sorta di ‘catalogo’, basato oltre che sulla ricerca diretta delle informazioni anche su un ‘hackeraggio’ dei dati del catalogo ufficiale, cosa che si è rivelata essere un ottimo output del nostro lavoro. In questi mesi abbiamo naturalmente raccolto idee e suggerimenti da tutte le persone che interagiscono con Rebiennale e lavorano nella Biennale stessa, molte bozze e approssimazioni sono state aggiornate man mano che si elaborava una prospettiva analitica. Ma anche critica rispetto alle ipotesi di riutilizzo, riciclo e scarto, che presentiamo.

Niccolò Bocenti, Giovanni Fiamminghi, Jacopo Franceschet, Carlo Mancin,
Gaia Mosconi, Sara Pasquali, Barbara Pedron, Nicola Simion, Nicolò Zingoni,
Rebiennale con la collaborazione di 2012architecten.

www.2012architecten.nl
www.superuse.org
www.rebiennale.org

Il Catalogo Rebiennale 2008

Download (PDF, 6.89MB)

Share this Post